Taboo

Oggi per la rubrica sui giochi in scatola ho deciso di parlarvi di “Taboo”, un gioco a cui sono molto affezionato. Due squadre si fronteggiano indovinando parole misteriose  che un loro membro a turno dovrà far capire nell’arco di tempo di una clessidra senza però pronunciare altre parole che facciano intendere quella parola e le parole proibite sono riportate su una carta. La squadra avversaria controllerà che non vengano dette le parole proibite, pena un punto in meno nell’avanzamento sul tabellone. Vince chi arriva per primo al centro del tabellone. Regole semplicissime ma di grande effetto per questo gioco pubblicato dalla MB Giochi (poi passato alla Parker) verso la seconda metà degli anni ’90. “Taboo” riscosse un incredibile successo diventando il gioco dell’anno, i ragazzi passavano intere serate attorno al tavolo da gioco e personalmente mi ha accompagnato in più di un’estate, provocando a volte anche numerosi liti per divergenze di opinioni sull’utilizzo più o meno corretto di alcune parole. Esistono anche altre versioni come quella junior o la nuova con nuove parole. Ad oggi resta ancora uno dei giochi in scatola più venduti e più coinvolgenti di sempre.

Voto al gioco: 9

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in I giochi in scatola. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...