Il grande e potente Oz

ozthegreatandpowerful

Oscar Diggs (James Franco) è un mago di una fiera itinerante del Kansas dall’indubbia moralità. Un giorno viene risucchiato da un tornado e si ritrova a Oz, un mondo fantastico. Qui fa la conoscenza delle streghe Theodora (Mila Kunis) e Evanora (Rachel Weisz), che gli dicono che lui è il mago che secondo una profezia sconfiggerà la strega cattiva Glinda (Michelle Williams). Ma durante la sua missione Oscar scoprirà che non tutto è come sembra e soprattutto scoprirà se stesso…

Prodotto dalla Disney, “Il grande e potente Oz” è la nuova pellicola firmata da Sam Raimi (“La casa”, “The gift”, “Spider-man”). Ispirandosi ai racconti di L. Frank Baum, “Il grande e potente Oz” è un prequel ideale delle vicende raccontate in uno dei libri più famosi al mondo. Sam Raimi è abile a conducrci nel mondo di Oz attraverso sequenze emozionanti e dinamicissime, come la splendida scena del tornado o del salto dalla cascata, il tutto impreziosito dalla tecnica del 3D (di cui io al solito non posso usufruire). “L’impronta disneyana si fa sicuramente sentire per tutte  le due ore e più di proiezione ma quello che colpisce del film sono due cose: innanzitutto l’uso del colore bello prorompente, esaltato soprattutto dal passaggio al bianco e nero della prima parte, chiaro omaggio a “Il mago di Oz” con Judy Garland; e poi la psicologia dei personaggi, molto ben studiata per far sì che lo spettatore capisca perchè i personaggi de “Il mago di Oz” hanno certi comportamenti. Io aggiungerei che “Il grande e potente Oz” è anche un viaggio per ritrovare se stessi, un’evoluzione dall’immoralità alla giustizia, una lezione in cui la speranza può compiere miracoli. La fotografia della prima parte è a dir poco eccellente, soprattutto negli splendidi titoli di apertura, chiaro omaggio a un certo cinema di un tempo e gli effetti speciali sono a dir poco mirabolanti, così come la creazione di alcune creature tramite la tecnica del capture motion, qui portato all’ennesima potenza. Il tutto impreziosito dalle musiche di Danny Elfmann, che anche quando non lavora con Tim Burton riesce sempre a dare il meglio di sè. Ve lo consiglio sicuramente!

Giudizio critico cinematografico: in questo regno il sogno è già realtà

Voto al film: 8+

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in I film che ho visto al cinema. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...