La solitudine dei numeri primi

Robin-Williams-died

Volevo scrivere qualcosa sulla tragica morte dell’attore Robin Williams avvenuta nei giorni scorsi. Potrei ricordarlo per la serie televisiva “Mork & Mindy”, per i personaggi dei suoi film, per il doppiaggio del Genio in “Aladdyn”. Ma non posso non pensare al modo in cui ha deciso di lasciarci. Robin Williams è stato un grande attore, un artista poliedrico, che riusciva ad arrivare al cuore della gente che lo ha sempre seguito. Ma Robin Williams era anche una persona secondo me molto sola nonostante fosse circondato da una miriade di persone che gli ha voluto un mondo di bene. La sua depressione, i suoi problemi con l’alcool e la droga, gli insuccessi lavorativi hanno massacrato il suo sorriso imponendogli una maschera. A volte anche se sei una delle persone più amate al mondo che ha reso felici più di una generazione tutto questo non basta per non farti sentire meno solo. Questa vicenda mi ha fatto capire ancora di più di quanto siano importanti le cose di ogni giorno, anche le più piccole e le più futili, perchè il tempo che abbiamo per goderne è davvero limitato.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Sentito in giro.... Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...