La famiglia Belier

lafamigliabelier

Paula (Louane Emera) è la primogenita della famiglia Belier ed è l’unica che parla dato che sono tutti sordomuti. Paula aiuta i genitori Rodolphe (François Damienns) e Gigi (Karin Viard) nella fattoria di famiglia occupandosi degli affari traducendo per loro coi clienti al mercato e trattando al telefono. Un giorno il padre Rodolphe decide di candidarsi a sindaco della piccola cittadina di campagana dove i Belier risiedono ma Paula ha altri progetti: riuscire ad entrare in una prestigiosa scuola di canto di Parigi dato che è dotata di una voce meravigliosa…

“La famiglia Belier” è una delle pellicole pluricandidate agli ultimi Cesar, gli Oscar francesi, ed è stato diretto da Eric Lartigau (“Scatti rubati”, “Prestami la tua mano”). La trama corre da subito su due binari che viaggiano paralleli: da un lato la vita della fattoria e del rapporto fra Paula e il resto della famiglia e dall’altro la crescita di Paula a scuola coi primi amori e le prime voglie di volar via dal nido. Queste due strade sono destinate inevitabilmente ad incrociarsi ed è proprio in quel momento che il regista sa miscelare abilmente commedia e dramma, toccando livelli molto alti sia a livello di sceneggiatura che di interpretazione, in primis i bravissimi attori che ricoprono il ruolo dei genitori. Certo, è un film che presenta molte pecche come personaggi stereotipati ma in fondo sono piccole cose su cui si può sorvolare. E anche se la trama sa di già visto, fidatevi che comunque assisterete ad uno dei film più belli sul rapporto genitori e figli. Purtroppo in patria “La famiglia Belier” è stato oggetto di molte critiche da parte delle associazioni dei sordomuti,che hanno aspramente criticato sia il linguaggio dei gesti che il modo in cui la comunità sordomuta viene rappresentata. Sicuramente i Belier possono sembrare un po’ sopra le righe ma a me quello che è arrivato è che sono davvero una famiglia molto unita, come ce ne sono tante nel mondo e credo che questa sia la cosa più importante. Ottima la scelta della colonna sonora affidata a brani di un repertorio francese che a molti è sconosciuto, me compreso, ma che ho saputo apprezzare.

Giudizio critico cinematografico: vi ascoltiamo

Voto al film: 7+

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in I film che ho visto al cinema. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...